Cara, voglio scopare con due donne!

Si sa, il sogno di ogni uomo è fare sesso con due o più donne. Parlo per esperienza personale, ma sento di rappresentare l’opinione di almeno il 99% degli italiani, compresi quelli che lo pensano e non lo dicono.  I più temerari arrivano anche a confessarlo alla propria moglie, compagna o fidanzata: “Cara, e se chiamassimo la tua amica Paola per una chiavata a tre? Dici che ci sta?” ..  Immagino già la risposta della moglie inorridita: “Brutto porco,.bip..bip.. da oggi dormi sul divano e se ti permetti ancora ti faccio tornare da quella stronza di tua madre.. e da domani torni a farti le seghe davanti ai computer!” – Si, come se avessi mai smesso! – Presumo che questa sia una risposta verosimile .. e nei casi di perbenismo conclamato – ahivoi – temo ci scappino anche le carte del divorzio con tanto di mantenimento ad vitam! La sincerità.. decisamente sopravvalutata!!

Ora, non sono qui a dare consigli su quale possa essere la strategia migliore per comunicare alla propria partner il vostro desiderio di fare sesso con due donne, lei compresa .. magari.. anche perché le tecniche potenzialmente vincenti non esistono e poi alla fine è sempre la donna a decidere.. Ma mettiamo il caso che, spinti da un’irrefrenabile desiderio di accoppiamento multiplo, decideste di confessare il vostro pensiero peccaminoso alla vostra donna, un consiglio allora mi sento in dovere di darverlo: non siate diretti, tergiversate, gettate una mollichina alla volta e valutate bene ogni singola smorfia del viso.. non si sa mai che lei non abbia già valutato positivamente la cosa!

Però – ehehee – qui parte il compromesso! “Va bene caro, facciamo sesso in tre, io ..tu e la mia amica Paola.. però poi, qualche volta chiamiamo anche Nculu, il nigeriano cazzuto del centro d’accoglienza.. lo vedo tanto solo quel ragazzone e poi faremo anche un opera di bene… sai che io alla beneficenza ci tengo” – e per beneficenza la mogliettina intende donare il culo alla verga dell’uomo di colore! – …

E cosa credete che accadrà quando la vostra donna caucasica, cresciuta a pane e ostia, assaggerà il suo primo cioccolatone africano? Chi ci sarà nei suoi sogni erotici da lì in poi? O credete che il vostro cazzetto da normodotati di cui tanto vi vantate possa reggere il confronto? Beh, magari Nculu ha il cazzo piccolo come quello di un pigmeo.. ma va là, già me lo immagino mentre sfonda alla pecorina la mogliettina dolce e premurosa che avete conosciuto, appena sedicenne, mentre imparava a suonare il flauto traverso in conservatorio,  e che ora urla come un’ossessa: sbattimi, Nculu, sbattimi e non ti farmareeeeeee!!

Meditate uomini! Meditate!!

Salva

Salva

Salva

Salva